La qualità si vede anche dal marchio. E il marchio “Family in Trentino” è la garanzia, per chi lo espone, di avere tutti i requisiti per entrare nella cerchia degli amici della famiglia. Esercizi pubblici, musei, istituzioni, alberghi, associazioni sportive… che si fregiano del marchio dopo aver superato la prova di avere precisi e specifici requisiti: tutti a misura di famiglia con figli.

Ma che cos’è il marchio Family in Trentino?

E’ un marchio promosso dalla Provincia Autonoma di Trento, che viene rilasciato a tutti gli operatori, pubblici e privati, che si impegnano a rispettare nella loro attività i requisiti stabiliti dalla Giunta provinciale per soddisfare le diverse esigenze delle famiglie. Ad esempio, un ristorante per richiederlo deve avere uno spazio dedicato ai bambini e alle mamme per poter far giocare il figlio oppure allattarlo o cambiare il pannolino e i vestitini. Stesso discorso per un bar o un altro pubblico esercizio. Un museo, invece, deve promuovere tariffe a portata di famiglie con particolari agevolazioni, pur disponendo sempre uno spazio per madre e figlio.

Un Comune deve orientare la propria attività secondo standard di qualità a misura di famiglia, sia negli impegni di ordine politico e amministrativo, sia nei servizi nell’ambito ad esempio della conciliazione dei tempi, negli interventi di carattere ludico/ricreativo, negli interventi di carattere didattico/educativo e formativo, nei servizi per la fascia di età 0-3 anni, nelle politiche tariffarie Chi lo chiede, insomma, deve sviluppare, attuare e favorire una forte politica promozionale a sostegno delle famiglie. Viene, infatti, rilasciato sulla base di precisi criteri e, pure, su una valutazione complessiva dell’impegno, delle politiche e dei servizi messi in atto.

I criteri e i requisiti per il rilascio del marchio sono raccolti nel disciplinare per le associazioni sportive che operano sul territorio provinciale, anche a livello non agonistico, ma che risultino iscritte al CONI.
Il marchio per questa categoria viene rilasciato per la durata di tre anni a partire dal provvedimento di assegnazione. Annualmente l’Agenzia provinciale per la famiglia, in collaborazione con il CONI ed il Forum delle Associazioni familiari del Trentino effettuerà delle visite di monitoraggio presso l’Associazione certificata, per riscontrare il mantenimento dei requisiti del disciplinare e verificare il costante impegno verso la famiglia, nell’ottica del miglioramento continuo dei servizi offerti. Inoltre sulla base di quanto previsto dalla Giunta provinciale n. 1985 del 21 settembre 2012, di approvazione delle modifiche e delle integrazioni ai criteti attuativi della L.P. 21/90, l’associazione che acquisirà il marchio “Family in Trentino” potrà beneficiare di una maggiorazione del 10% del contributo previsto dall’art. 2, lettera a) della L.P. 21/90.
Il disciplinare deve essere compilato e firmato dal legale rappresentante.

Per questa categoria inoltre è prevista una lettera di impegno, che verrà sottoscritta durante la cerimonia di consegna ufficiale del marchio.
Il disciplinare prevede requisiti obbligatori e facoltativi. La valutazione qualitativa viene espressa con una breve descrizione del singolo requisito posseduto a giustificazione del punteggio assegnato.